Vetrina Toscana: ‘un viaggio nel viaggio’ con oltre 250 eventi

Vetrina Toscana, il progetto che si impegna a promuovere il turismo della Regione, fino a marzo 2024, ha un vasto calendario di eventi e proposte. Tour guidati nelle bellezze dei luoghi, arte, cultura e una ricchezza enogastronomica che tutto il mondo invidia

Vetrina Toscana, il progetto che promuove il turismo enogastronomico della Regione, continua a crescere, e mette in programma oltre 250 appuntamenti. Fino a marzo 2024, infatti, la Toscana offre la possibilità di scoprire, vivere e provare una serie di eccellenze uniche al mondo! Arte, storia, cultura, natura e una ricchezza enogastronomica senza paragoni, il tutto attraverso eventi aperti a tutti, compresi i più piccini.

I numeri di Vetrina Toscana

Oltre 250 eventi con più di 700 ristoranti e botteghe e 250 produttori coinvolti. Non mancheranno di certo i Consorzi dei prodotti a denominazione, i produttori biologici e i PAT (prodotti agroalimentari tradizionali toscani) e più di 100 piatti della tradizione da riscoprire. Gli eventi sono realizzati grazie al contributo economico di Regione Toscana e Unioncamere Toscana, organizzati da Confcommercio e Confesercenti e dalle Camere di Commercio Toscane.

 

Abbazia di San Galgano, nel comune di Chiusdino, provincia di Siena.

Cosa vedere

Dalla visita all’Abbazia di San Galgano all’Eremo di Montesiepi con le loro storie ammantate di leggende. Il percorso attraverso i castelli e le pievi del Casentino fino al tour verso una Livorno insolita a bordo di un bus. Si potrà vedere la Madonna del parto di Monterchi, garantirsi un risveglio da favola con pilates a colazione in un’incantevole villa in provincia di Pistoia. Ci si potrà addentrare alla scoperta di luoghi insoliti come l’acquedotto Leopoldino o il quadrilatero dei Monasteri a Prato. Da gustare i menù del cinema a Lucca, con performance teatrale dedicata ai film in programma. Queste sono solo alcune delle tappe di un viaggio che ci porta alla scoperta delle radici dell’identità culturale attraverso il cibo.

Lo stare assieme

La socialità e la convivialità sono un altro elemento fondamentale. Tra le tante mete, a Siena ci saranno una serie di intriganti e gustosi Aperidee con Assaggi di Futuro. L’obiettivo è quello di riportare i ristoranti e i locali al loro ruolo di protagonisti della vita sociale, luoghi di incontro e di scambio di opinioni in cui, oltre a valorizzare lo sviluppo del territorio, si promuovono prodotti agroalimentari e si stimola il dialogo.

Una regione green

La sostenibilità è un elemento che sottende tutto il programma, soprattutto con alcune iniziative. Ci si impegnerà per il riciclo dei tappi di sughero delle bottiglie di vino aperte e per salvaguardia del mare, grazie alla promozione del pescato locale. In quest’ultimo caso ci saranno varie attività sui pescherecci venendo così in contatto diretto con i pescatori.

Per le scuole e i bambini

Altro aspetto saliente è il coinvolgimento delle scuole del territorio nell’ottica di una maggior consapevolezza e dell’educazione alimentare. Dopo il successo dello scorso anno, torneranno le attività per i bambini per aiutarli nella conoscenza del territorio e dei prodotti. Per fare ciò saranno organizzati tour educativi e interattivi, attività nelle fattorie didattiche. Anche viaggi educativi e piccole avventure, merende salutari tra memoria, sostenibilità ed educazione alimentare per allenare i giovani palati a gusti alimentari da recuperare.

Pane Toscano Dop.

Fitta rete di sinergie

Grazie al fitto calendario di eventi, Vetrina Toscana amplia la rete degli aderenti e coinvolge attori importanti del settore con cui sono stati fatti accordi come Slow Food Toscana e le Strade del Vino dell’Olio e dei Sapori di Toscana. La vocazione turistica del progetto è rafforzata dalla collaborazione con guide turistiche e ambientali e con tour operator che hanno creato veri e propri pacchetti turistici. Molti itinerari prevedono un pasto o una degustazione, abbinata a una visita guidata in luoghi di interesse storico, archeologico o naturalistico. Un modo per conoscere il territorio e valorizzarlo attraverso l’enogastronomia.

I prodotti di Vetrina Toscana

Nelle Terre di Pisa continua la collaborazione con i musei del territorio in cui è stato dedicato uno spazio riservato ai prodotti di Vetrina Toscana, forniti a turno dalle botteghe e dai produttori del territorio. Grazie alla collaborazione di un esperto nutrizionista sarà inserita, tramite un QR code, una scheda nutrizionale con evidenziati i benefici e le caratteristiche organolettiche dei prodotti.

Prosciutto Toscano Dop.

Stagionalità e prodotti a km zero

Fedeli al manifesto dei valori, molti territori tra cui Firenze, Grosseto, Massa Carrara, la Versilia, il Mugello, la Garfagnana, la Lunigiana e la Maremma, hanno puntato a sensibilizzare i loro ospiti alla riscoperta dei prodotti a km zero. Per fare ciò, sono state avviate connessioni dirette tra aziende agricole e ristoranti che propongono in menù i prodotti della filiera corta di stagione, con la valorizzazione delle ricette e della cultura del territorio.

Vetrina Toscana è il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe alimentari che utilizzano i prodotti del territorio, nonché i produttori veri e propri. A oggi, gli aderenti si dividono in oltre 1000 ristoratori, 300 botteghe alimentari e 150 produttori. Gli assessorati regionali coinvolti sono quelli relativi alle Attività produttive, al credito, al turismo, al commercio e all’Agricoltura. Per info: www.vetrina.toscana.it

 

Check Also

Giardí apre a Milano

Giardí ha aperto il suo primo ristorante in Via Napo Torriani 3, nel cuore di Milano. Un locale dai sapori vegani e dalle belle atmosfere, capace di legare cucina gourmet e servizio fast casual

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *